CORONAVIRUS – CI SONO RESTRIZIONI CHE SI POTEVANO EVITARE ► Prof. Giulio Tarro: “Nessuno doveva morire di fame”

ROMA – “Il coronavirus fortunatamente non ha la stessa mortalità della Sars e neppure della Mers che uccideva un malato su tre. Oggi non lottiamo contro l’Ebola, ma il nostro nemico è una malattia che non è letale per quasi il 96% degli infetti”. Giulio Tarro, virologo di fama internazionale, spiega a Businessinsider.com: “Il vaccino? Se il virus ha come sembra una variante cinese e una padana, sarà complicato averne uno che funziona in entrambi i casi esattamente come avviene per i vaccini antinfluenzali che non coprono tutto”. Poi una stoccata a Burioni. “Non voglio fare polemica, ma è curioso che ancora si ascolti chi a inizio febbraio diceva che il rischio di contrarre il virus fosse zero perché in Italia non circolava, quando invece era già in giro da tempo”.


Autore dell'articolo: Stefano

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *