Una fonte qualificata contesta con l’agenzia di stampa AGI i numeri della Direzione

Una fonte qualificata contesta con l’agenzia di stampa AGI i numeri della Direzione: nel reparto di riabilitazione nel gennaio 2019 sono morte 31 persone, mentre nel 2020 ne sono morte 18; nella Rsa 13 contro 18, mentre nell’hospice 22 contro 15. Il totale di gennaio 2019 è dunque 66 contro i 51 del 2020. Passando a febbraio i deceduti nella riabilitazione sono stati 31 nel 2019 contro i 10 del 2020, 13 nella Rsa contro i 17 del 2020 e 7 nell’hospice contro i 17 del 2020. Il totale di febbraio porta a 52 morti nel 2019 contro i 44 del 2020. Nei primi due mesi dell’anno, dunque, i morti sono stati addirittura una cifra inferiore rispetto all’anno scorso. È a marzo che il trend si inverte: i morti del 2019 nella riabilitazione sono stati 21, stessa cifra anche quest’anno; nella Rsa 15, contro i 28 di quest’anno, e nell’hospice 16 contro i 21 di del 2020. 
In totale dunque 70 quest’anno contro i 52 dell’anno scorso.
La tabella reca anche il totale del trimestre gennaio-marzo, che segna 170 decessi del 2019 contro i 165 nel 2020: una cifra addirittura inferiore. 
Il ministro della Salute manderà gli ispettori al PAT.

Autore dell'articolo: Fattore Logico

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *